Contignü prinzipal

Garant per la nfanzia y l'adolescënza

Chёstes informaziuns é da ciafè ma por

Garant per la nfanzia y l'adolescënza | 11.04.2013 | 16:22

Nicolussi-Leck presenta la relazione 2012 ai capigruppo

Grande interesse da parte di consiglieri e consigliere.

Vezzali e Nicolussi-Leck.ZoomansichtVezzali e Nicolussi-Leck.

La Garante per l'infanzia e l'adolescenza Vera Nicolussi-Leck ha presentato questa mattina a capigruppo e consiglieri la Relazione sull'attività 2012. Nel corso dell'illustrazione, seguita dal presidente Maurizio Vezzali, dai segretari questori Georg Pardeller e Veronika Stirner Brantsch, dai capigruppo Walter Baumgartner, Elena Artioli, Andreas Pöder e dai consiglieri Martha Stocker, Ulli Mair, Sigmar Stocker, Hans Heiss ed Eva Klotz, ha illustrato suoi 245 giorni di "attività molto intensa" nei quattro settori di "Consulenza e mediazione", "Informazione e prevenzione", "Rappresentanza degli interessi", "Collegamento dei servizi", sempre allo scopo di garantire l'applicazione della Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia. Ha quindi fatto riferimento ai 482 appuntamenti affrontati, ai 314 nuovi atti aperti, alle 4 telefonate al giorno che riceve dagli utenti. Le si rivolgono, ha detto, in primo luogo le madri, e poi i minorenni e gli enti di vario genere. Le principali tematiche affrontate sono separazioni, violenza psicologica, abbandono scolastico, conflitti famigliari, temi che ritornano anche nei diversi incontri di sensibilizzazione organizzati; la rappresentanza degli interessi dei minori è avvenuta non ultimo con le osservazioni sulla prossima legge quadro sulla famiglia.

Ribadendo la necessità di ascoltare i bambini e le bambine, la Garante ha poi accennato anche ai progetti per il futuro, con particolare riferimento alla necessità di due istituzioni di ombudsman per bambini che non vivono in famiglia e per disabili adulti, come richiesto da molti genitori. Una questione ritenuta molto importante da Stirner Brantsch, che si è anche interessata degli interventi della Garante a tutela dei bambini con difficoltà di apprendimento e di minori in situazioni di separazione. Mair ha invece chiesto informazioni sul diritto al gioco e l'integrazione di bambini con origini migratorie, e Nicolussi-Leck ha sottolineato in quest'ambito l'importanza dell'apprendimento della lingua e cultura da parte di questi, che altrimenti si trovano isolati a scuola; su richiesta di Heiss, la Garante ha poi accennato alla necessità di aumentare la dotazione di personale del suo ufficio; ha infine concordato con Sigmar Stocker sulla necessità di formare anche i genitori, specificando però che il suo Ufficio si rivolge solo ai minori.

Il pres. Maurizio Vezzali ha ringraziato Vera Nicolussi-Leck per la relazione e per il suo grande impegno quale garante dei giovani, augurandosi che l'istituzione possa crescere nel tempo contribuendo ad offrire sostegno e  ascolto ai minori di tutta la provincia.

 


La presentazione della relazione. Zoomansicht La presentazione della relazione.

(MC)