Contignü prinzipal

Consulënta por l’avalianza dles oportunites

Chёstes informaziuns é da ciafè ma por

| 30.10.2020 | 12:55

Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità: riunione pubblica annullata.

L’organo si è incontrato però online, per continuare a garantire il monitoraggio dei diritti delle persone con disabilità

Uno screenshot della videoconferenzaZoomansichtUno screenshot della videoconferenza

Il 30 ottobre era stato fissato in origine l'incontro pubblico dell'Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità al Parco Tecnologico "Noi", in zona industriale a Bolzano. I temi centrali per il 2020 sono i diritti dei disabili durante la pandemia e attività del tempo libero più inclusive per le persone con disabilità. L'incontro pubblico ha dovuto essere annullato a causa dell'attuale situazione eccezionale di aumento dei contagi da Coronavirus.

L'Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità dell'Alto Adige si è comunque riunito il 30 ottobre per una riunione interna in videoconferenza. L'obiettivo è quello di proseguire con il compito che gli è stato affidato: monitorare l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dei disabili in Alto Adige in questo momento particolare. 

Da questo incontro Heidi Ulm ha assunto il ruolo di nuovo membro dell'Osservatorio. Prende il posto del componente uscente Max Silbernagl. 

A causa dell'annullamento della riunione pubblica nelle ultime settimane sono già state fornite delle alternative per gli interessati. “Durante le sessioni pubbliche le persone con disabilità hanno l'opportunità di esprimere i loro bisogni e le necessità sugli argomenti all’ordine del giorno. Questa è la base per un rapporto che l'Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità invia ai rappresentanti politici”, ha affermato la presidente Michela Morandini. Per questo nelle ultime settimane si è lavorato molto sui questionari inviati alle persone coinvolte. "Come Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità è importante per noi essere presenti, soprattutto in questi tempi difficili e continuare a svolgere il nostro compito di organo di monitoraggio della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità in Alto Adige", continua la presidente dell'Osservatorio Michela Morandini. 

Nel corso dell'incontro sono stati presentati i primi risultati che i membri dell'Osservatorio hanno raccolto sui temi "Attività ricreative inclusive per persone con disabilità in Alto Adige" e "Crisi da coronavirus e disabilità". 

Nell'ambito del tempo libero è stata sottolineata la necessità di ampliare le offerte in tutto l'Alto Adige, non limitandole a singoli gruppi di persone interessate, ma rendendole accessibili a tutte le persone con disabilità coinvolgendole attivamente, nonché la necessità di rendere le offerte turistiche senza barriere.

Per quanto riguarda la crisi da Coronavirus sono state enfatizzate la grande restrizione dei diritti delle persone con disabilità e la mancata attenzione verso la loro autodeterminazione. 

Il questionario sulle attività ricreative e su disabilità e coronavirus può essere compilato fino al 6 novembre online. Ulteriori informazioni sono disponibili sulla homepage della Consigliera di parità www.consiglieradiparita-bz.org. 


(CdP)