Contignü prinzipal

Consulta provinziala por les comunicaziuns

Chёstes informaziuns é da ciafè ma por

| 15.05.2009 | 15:06

Violazione della legge sulla par condicio

Constatazione del Comitato provinciale per le comunicazioni sull’esposto SVP contro il Sender Bozen

Il Comitato provinciale per le comunicazioni si è riunito il 15 maggio 2009 alle ore 08.00 convocato d’urgenza come prescritto dalla legge 22 febbraio 2000, n. 28, art. 10 per trattare – oltre alle varie – un esposto della Südtiroler Volkspartei (SVP) nel quale si denuncia una violazione della “par condicio” nell’attuale campagna elettorale in vista delle elezioni europee del 6 e 7 giugno 2009.

Dopo i dovuti incontri con la SVP ed i Responsabili della RAI di Bolzano (Direzione e Redazione) il Comitato ha constatato che:

  • - nel rotocalco radiofonico “Mittagsmagazin” di martedì 12 maggio 2009 dalle ore 12.30 alle ore 13.30 non è stata trasmessa nessuna intervista a un candidato della coalizione “Sinistra e Libertà” e non è stata quindi commessa nessuna violazione della legge 22 febbraio 2000, n. 28 e delle disposizioni della Commissione Parlamentare di Vigilanza del 15 aprile 2009.
  • - che nella “Tagesschau” (telegiornale in lingua tedesca) del 12 maggio la lista „Sinistra e Libertà” è stata trattata secondo le regole della par condicio.
  • - per quanto riguarda invece la trasmissione “Runder Tisch” di lunedì 11 maggio dalle ore 20.20 alle ore 21.25 (un dibattito TV in diretta condotto da un giornalista della RAI), la RAI ha invitato sì tutti i soggetti politici con candidati nella Provincia di Bolzano, però per la coalizione “Sinistra e Libertà” ha consentito la presenza di due candidati anziché uno, in violazione dell’articolo 2 della legge 22 febbraio 2000, n. 28 che prevede la “parità di condizioni nell’esposizione di opinioni e posizioni politiche” e dell’articolo 5 delle disposizioni della Commissione Parlamentare di Vigilanza del 15 aprile 2009 le quali prevedono “parità di trattamento tra le diverse forze politiche”.

La RAI di Bolzano, riconoscendo l’errore nell’impostazione della trasmissione suddetta, ha proposto su sollecitazione del Comitato provinciale per le comunicazioni di Bolzano, in base all’art. 3 della legge del 22 febbraio 2000 n. 28, di mandare in onda martedì, 19 maggio 2009, alla stessa ora, una trasmissione riparatoria alla quale verranno invitati i sei soggetti politici danneggiati dal “Runder Tisch” dell’11 maggio 2009. Il Comitato provinciale di Bolzano nella sua seduta del 15 maggio ha ravvisato in questa proposta una giusta compensazione alla violazione commessa, tenendo conto dell’art. 10, comma 3 della legge 22 febbraio 2000, n. 28.

(AM)