Contignü prinzipal

Cunsëi

Chёstes informaziuns é da ciafè ma por

Cunsëi | 03.07.2018 | 16:46

Lavori Consiglio: Interrogazioni su tema d’attualità - 3

Presentate da consiglieri e consigliere alla Giunta provinciale, riguardavano la Fondazione Mahler, stazione San Giacomo, toponimi italiani, il festival della montagna IMS, logopediste italiane, il direttore generale Azienda sanitaria, lavori a San Giacomo, Scuola di Musica di Vipiteno, sentenza sulla caccia, circonvallazione lago di Carezza, BM Condotte, FUEN. La trattazione delle interrogazioni d’attualità è terminata.

Lo scorso aprile la Giunta provinciale ha nominato Sigisbert Mutschlechner quale nuovo componente del consiglio della fondazione culturale Euregio Gustav Mahler Dobbiaco-Dolomiti, dopo che a dicembre 2017 si era dimesso il presidente Peppi Fauster. Lo ha ricordato Walter Blaas (Die Freiheitlichen), domandando per quale motivo l’ex presidente si era dimesso, come si finanziano le attività della fondazione, quanti mezzi sono stati messi a disposizione dalla Provincia e quanti dal Comune di Dobbiaco, quali sono  scopo e attività principale della fondazione, in che misura i mezzi della fondazione sono utilizzati per coprire le spese di vitto e alloggio nel Grand Hotel Dobbiaco. L’ass. Philipp Achammer ha riferito che l’ex presidente aveva citato motivi personali, che l’80% dei finanziamenti viene dalla Provincia (quest’anno 200.000 €) e il resto dal Comune di Dobbiaco, al fine di coordinare tutti gli eventi culturali. La Fondazione sta elaborando un nuovo concetto organizzativo, sempre in contatto con l’Euregio, sta preparando la nuova casa per ospiti, organizzando il programma musicale 2018-19. I mezzi non vengono usati per coprire spese di vitto e alloggio, anche l’ostello giá ora si autofinanzia.

Da tempo la realizzazione della stazione ferroviaria di San Giacomo è nella lista delle opere da realizzare: Riccardo Dello Sbarba (Gruppo verde) ha chiesto informazioni sul progetto, la sua realizzazione, la cadenza dei futuri treni e l’eventuale terzo binario. L’ass. Florian Mussner ha chiarito che i lavori hanno prioritá media, e che i costi sulla base del progetto preliminare sono di 3 milioni circa, finanziati per metá dalla Provincia e per metá dal Ministero dei Trasporti tramite CIPE. Il progetto sará presente entro la primavera, poi dopo il parere di RFI la STA potrà bandire i lavori; è impossibile indicare una data per l’inizio lavori. La Giunta con delibera dell’agosto 2017 ha già stabilito le prioritá tecniche; i treni regionali avranno cadenza di 30 minuti; la stazione di Bolzano sarà raggiungibile in 4 minuti; l’esecuzione del progetto è indipendente dal futuro dell’aeroporto di Bolzano. Dello Sbarba ha replicato che la stazione è molto importante per garantire alternative di trasporto ai pendolari, è del tutto da verificare se sarà garantito un cadenzamento sufficiente; positiva è l’indipendenza dalla questione aeroporto.

Sven Knoll (Süd-Tiroler Freiheit) ha fatto riferimento al concorso “Kennst Du Deine Heimat?”, riferendo che dall’anno scorso il relativo opuscolo presenta toponimi “tolomeico-fascisti pseudoitaliani”: di questo ha chiesto motivazione alla Giunta. L’ass. Philipp Achammer ha chiarito che la Giunta non è coinvolta né dal punto di vista finanziario né da quello del contenuto, che l’opuscolo non è didattico ma un semplice quiz per giovani: l’editore è responsabile del contenuto. Knoll ha replicato che l’opuscolo presenta lo stemma della Provincia, e ricordato che in base a una mozione approvata lo stesso Consiglio provinciale dovrebbe avviare una campagna informativa sui toponimi.

Da diversi anni, a Bressanone ha luogo il festival della montagna IMS. Walter Blaas (DIe Freiheitichen) ha chiesto a tale proposito quali sono i singoli importi erogati al festival sotto forma di contributi pubblici, quali contributi pubblici sono previsti a favore del festival per il 2018 e quali sono gli enti che li erogano. Il pres. Arno Kompatscher ha fornito una tabella sui contributi pubblici: nel 2018 sono stati messi a disposizione 120.000 € da Provincia e Regione, una cifra minore rispetto al passato perché si spinge all’autofinanziamento. Blaas ha espresso apprezzamento per la riduzione dei contributi pubblici, sottolineando che si sta andando nella direzione giusta.

Andreas Pöder (BürgerUnion-Südtirol-Ladinien) ha segnalato che le ostetriche private, che spesso accompagnano una mamma dall’inizio della gravidanza, non possono poi entrare con lei in sala parto né a Bolzano né a Brunico. Egli ha chiesto se la Giunta ne è al corrente e come valuta questa esclusione e se questo accade anche negli altri 5 ospedali provinciali. L’ass. Martha Stocker ha chiarito che nel distretto di Brunico ci sono molti posti vacanti per persone in lingua italiana, e che finora la logopedista in lingua italiana era solo una, a fronte di una grande richiesta; c’è a disposizione anche un posto al 50% per una logopedista di lingua tedesca, che sará coperto forse con la mobilità. Pöder ha chiarito che l’attività di una logopedista è molto legata alla propria lingua, e rilevato una criticità a Campo Tures. .

Alessandro Urzì (L’Alto Adige nel cuore) ha poi ricordato che a margine dell’incontro tra vertici dell’Azienda sanitaria e sindacati del 27 giugno scorso il dott. Schael aveva rifiutato di concedere interviste in lingua italiana, chiedendo quali provvedimenti intende prendere la Giunta. L’ass. Martha Stocker si è stupita di quanto detto a Urzì, perché sarebbe il contrario. Non essendo presente, però, ha preso atto di quanto detto da Urzì e detto che se così è la Giunta prenderà provvedimenti. Urzì ha chiarito che fará avere copia delle relative riprese televisive.

Riccardo Dello Sbarba (Gruppo verde) ha chiesto informazioni sul fatto che a lato dell’area aeroporto di Bolzano sono in corso lavori per la realizzazione di un nuovo grande parcheggio, e ha chiesto se esso sará a servizio dell’aeroporto. L’ass. Florian Mussner ha spiegato che si tratta di infrastrutture per la zona artigianale, a servizio di aziende e su gestione della BLS.

Hannes Zingerle (Die Freiheitlichen) ha chiesto informazioni sul bando per la ricerca di un nuovo direttore della Scuola di musica di Vipiteno, rilevando che i candidati non hanno ricevuto alcuna informazione, tranne quella che sarebbero ammesse anche persone senza i requisiti necessari, addirittura senza maturità. L’ass. Philipp Achammer ha spiegato che il termine di consegna era a fine maggio, e che la commissione d’esame, dopo aver aperto le richieste a inizio giugno, si è riunita più volte a fine giugno per gestire la procedura, che non è ancora conclusa. Altre informazioni sará possibile dare quando sarà presa la decisione. In quanto ai titoli di studio degli altri direttori, l’assessore consegnerà una tabella scritta. Zingerle ha rilevato come stranezza il fatto che nella procedura di selezione non venisse più richiesto il titolo di maturità.

Andreas Pöder (Bu_Südtirol-Ladinien) ha chiesto una valutazione della Giunta sulla sentenza giuridica relativa ai decreti di caccia rilasciati dal precedente Presidente della Provincia. Il pres. Arno Kompatscher ha chiarito che la sentenza non è condivisibile in alcuni punti, a partire dalla valutazione dei danni sulla base del valore dei trofei. Inoltre, analoghi decreti dell’ass. Schuler sono stati ritenuti corretti dal TAR. Con nuova norma d’attuazione del 2016 era stata regolamentata la caccia anche nei Parchi naturali, e questo aveva evitato qualsiasi impugnazione nel 2017 da parte delle associazioni ambientaliste, ed eviterá problemi anche in futuro. La Giunta non ha potuto costituirsi parte civile perché non è la danneggiata, né l’accusata, c’è però la necessitá di un intervento nel caso la sentenza mettesse in dubbio competenze della Provincia.

L’atmosfera e la quiete intorno al lago di Carezza, che attrae ogni anno un grande numero di turisti, sono compromesse dall’immediata vicinanza della strada verso il passo (SS 241): lo ha segnalato Hans Heiss (Gruppo Verde), secondo cui il Comune e alcuni cittadini hanno più volte proposto di spostare la strada,cosa fattibile senza interventi troppo gravosi. Ora è stata prevista una circonvallazione a sinistra del centro visitatori (andando verso Nova Levante), per poi tornare, attraverso una galleria, sul vecchio tracciato della strada, per un costo di 10 mio. €. Il consigliere ha chiesto informazioni sullo stato della progettazione e delle spese effettuate, se il parcheggio sarà ampliato e di quanti posti auto, se non sarebbe più indicato un tracciato senza galleria, passando dietro il parcheggio e a livello più basso, dal lago di Carezza fino all’esercizio Simhild/Forsthaus Pukolin, senza necessità di pareti antirumore e galleria. L’ass. FLorian Mussner ha fatto riferimento a uno studio tecnico del 2016, ripresi con delibera del 2018 per una spesa di 2,9 mio. €, e aggiunto che i parcheggi non sono di competenza della Provincia ma del Comune di Nova Levante. La variante segnalata da Heiss avrebbe richiesto un ponte molto lungo sopra al rio di Nova Levante.

Riferendo che in seguito alla sua prima interrogazione sul tema, ad aprile gli erano state annunciate delle conseguenze, Andreas Pöder (BürgerUnion-Südtirol-Ladinien) ha ritenuto opportuno porre ulteriori domande sull’incarico a BM Condotte da parte di Alperia, ovvero:  perché nel giro di 3 mesi le è stato conferito un incarico lucrativo di 300.000 €, come valuta la Giunta il fatto che la fondatrice sia locatrice di un appartamento IPES, quante ditte sono state invitate a partecipare alla gara per i lavori in questione, quali sono e a quanto ammontava il preventivo dei singoli offerenti, se nessun altro operatore ha partecipato alla gara, perché, se Giunta e Alperia sono tuttora convinte che sia tutto regolare, quanti incarichi di quali importi sono stati conferiti da parte delle ditte ex SEL e dell’attuale gruppo Alperia ad aziende delle quali Michele Burigo è stato titolare, azionario o dipendente negli ultimi 10 anni, chi è stato responsabile dell’incarico a BM Condotte e alle altre aziende, quanti incarichi sono stati conferiti, nel 2016, 2017 e 2018, a ditte esterne dal gruppo Alperia, e per quale importo complessivo. L’ass. Richard Theiner ha chiarito che le conseguenze segnalate da Pöder non erano state minacciate da lui o da qualcuno dell’amministrazione pubblica, aggiungendo che in queste situazioni non ha nessun ruolo essere locatari di un alloggio IPES, che erano stati invitati 8 imprenditori, di cui 3 avevano partecipato. Ha poi citato i particolari delle 3 offerte di Condotte, Rottensteiner e Gas und Wasser, e affermato che il processo è avvenuto in maniera trasparente e senza irregolarità. In quanto agli incarichi conferiti, si tratta rispettivamente di più di 6.000 incarichi per 84 milioni nel 2017 e di 1.600 per il primo quadrimestre 2018.

Bernhard Zimmerhofer (STF) ha segnalato che Bernd Fabritius, nuovo incaricato del governo federale per le minoranze nazionali in Germania, ha sostenuto a un convegno della FUEN a Leeuwarden  che “nessuno Stato straniero ha il diritto di rendersi potenza tutrice di un gruppo nella nostra terra”, e ricordato che la funzione di potenza tutrice dell’Austria è fondamentale. Egli ha chiesto quindi cosa ne pensava la Giunta. Il pres. Arno Kompatscher ha chiarito che in base ai più recenti scambi di note sottoscritti da Renzi e Faymann e Gentiloni e Kern, l’Italia riconosce la funzione della potenza tutrice, rilevata che in pubblicazioni scientifiche. La situazione tra Germania e Turchia è ben diversa da quella tra Italia e Austria caratterizzata da un trattato. 

 

La discussione delle interrogazioni su tema d’attualità è terminata.

(MC)